Addio a Jack Tramiel, inventore del Commodore 64.

Si è spento domenica sera Jack Tramiel, all’età di 83 anni, imprenditore informatico che fondò nel 1955 la Commodore, società produttrice di famosi home computer, tra cui il celebre Commodore 64. Per chi non lo sapesse il Commodore 64 fu il computer più venduto al mondo, solo nel 1986 ne furono venduti 10 milioni e restò in commercializzazione fino al 1993, per un totale di circa 30 milioni di unità vendute, record che indubbiamente non verrà mai superato. 

La sua vita fu tutt’altro che “monotona”, figlio di ebrei polacchi, durante l’occupazione nazista fu costretto a vivere nel ghetto della sua città natale e, successivamente, deportato ad Auschwitz. Salvato nel 1945 dagli Americani, emigrò negli Stati Uniti e si arruolò nell’esercito dove imparò a riparare le macchine da scrivere. Nei primi anni ’50, lavorando come tassista, si potè permettere di acquistare un negozio di riparazioni per macchine da scrivere. In seguito fondò la Commodore Business Machines che a cavallo degli anni sessanta-settanta iniziò a produrre calcolatrici meccaniche e, più tardi, calcolatrici elettroniche.

Fu tra i primi a intravedere le potenzialità del mercato degli home computer, e raggiunse il successo in tutto il mondo nel 1982 con il Commodore 64. Nel 1984 i ricavi delle sue vendite raggiunsero il miliardo di dollari.

Tramiel fu il primo a voler rendere gli home computer a portata di tutti, ed operò a tale fine per tutta la sua vita, celebre è la sua frase: “Dobbiamo produrre computer per la massa, e non per le classi “. Insomma, se state leggendo questo articolo comodamente da casa vostra, magari dopo aver controllato la posta elettronica o dopo essere stati su qualche social network, e avete figli, fratelli o amici che vi stanno infastidendo perchè hanno bisogno del computer per giocare o vedere film, lo dovete a lui, Jack Tramiel.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>